Cosa non voglio (Oce)

Non voglio più

le tue contrite ipocrisie,

le tue parole affilate,

pronte a ferire.

 

Non voglio più

lo sguardo altrove,

un’altra musica da ascoltare,

le ore di assenza

che il mio orologio non conta.

 

Non voglio più

Il ricordo di quanto era tutto,

il vino versato sulle lacrime,

la chiesa

in cui ci si riconosce.

 

Non voglio niente

ma al niente

non so rinunciare.

Oce

Annunci

Informazioni su oceania2013

Non cerco lettori, ma se l'Infinito vi ha portato su queste pagine, come ha condotto qui anche me, siate i benvenuti!
Questa voce è stata pubblicata in Seconda persona singolare. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...