L’impronta dell’offesa

A volte ci sono piccole parole, piccoli fatti, che lasciano in noi una grande impronta. Rimangono nella mente e ce le ripetiamo come in una continua moviola.

Sono cose dolorose: avrebbe senso procedere a dimenticare anziché a ricordare, eppure tornano. Come se, ricordandole, prendessimo potere su ciò che è avvenuto.

A volta hanno fatto male perché hanno affermato una verità scomoda su di noi, a volte una realtà scomoda dell’altro.

In ogni caso l’impronta dell’offesa è così profonda perché, da qualche parte, anziché lasciar andare, tratteniamo.

In questo trattenere abbiamo il controllo ma impediamo il fluire della vita.

NC

Le tensioni costituiscono ‘modi di tenersi’. Ci sosteniamo, ci conteniamo, ci tratteniamo, ecc. Tenersi è una forma di controllo. Tenendoci, non permettiamo che il flusso dell’eccitazione scorra naturalmente, lo controlliamo. Questo tenersi finisce per diventare inconscio.

A. Lowen

Annunci

Informazioni su oceania2013

Non cerco lettori, ma se l'Infinito vi ha portato su queste pagine, come ha condotto qui anche me, siate i benvenuti!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...